CDM approva il Decreto “Cura-Italia”

Venticinque miliardi di euro per medici, famiglie, lavoratori e aziende.

“Il governo è vicino alle imprese, i professionisti, le famiglie, alle donne e gli uomini, i giovani che stanno facendo enormi sacrifici per tutelare il bene più alto. Nessuno deve sentirsi abbandonato e questo decreto lo dimostra”. Lo ha detto il presidente del Consiglio Giuseppe Conte in conferenza stampa insieme al ministro dell’Economia Roberto Gualtieri e al Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Nunzia Catalfo dopo il Consiglio dei Ministri di questa mattina. “Il decreto legge, approvato oggi dal Governo, stanzia 25 miliardi di denaro fresco per l’emergenza coronavirus. Questo muoverà flussi per 350 miliardi”, ha sottolineato Conte secondo il quale “gli interventi per l’economia non si esauriscono qui”. Ad aprile infatti è stato annunciato l’arrivo di nuove misure di impatto doppio rispetto alla vecchia finanziaria. E ancora “C’è un finanziamento aggiuntivo molto significativo per il sistema sanitario nazionale e la protezione civile, con risorse per quasi tre miliardi e mezzo che ci consentiranno di sostenere il lavoro eroico che stanno svolgendo” ha detto Gualtieri. Inoltre “C’è un capitolo molto corposo – ha sottolineato il ministro – di 10 miliardi di sostegno all’occupazione e ai lavoratori per la difesa del lavoro e del reddito affinché nessuno perda il posto di lavoro a causa del Coronavirus”. “Questo è un primo intervento per marzo, poi torneremo per le scadenze di aprile attraverso la probabile riestensione e modulazione del meccanismo dei ristori che stiamo definendo e sarà oggetto del decreto aprile”.

Dl: Speranza, “Misure eccezionali, ma si vince con contributo di tutti”

“Ad una fase eccezionale si risponde con misure eccezionali”. Lo scrive su Facebook il Ministro della Salute, Roberto Speranza, dopo l’approvazione del dl “Cura Italia”. “Abbiamo approvato il decreto – prosegue Speranza – che prevede 25 miliardi di euro per sanità, protezione civile, famiglie e imprese. Ci sono risorse e strumenti per sostenere il lavoro di medici, infermieri e personale sanitario ma anche per le tante persone che stanno pagando il costo di questa emergenza. Ci stiamo mettendo tutto il coraggio possibile per vincere questa sfida senza precedenti”. “Quello che conta di più però restano i comportamenti individuali. Solo con il contributo di ciascuno si può vincere questa sfida. Forza”, conclude il Ministro della Salute.

Caricando...