CCNL 2016 – 18: firmata nella notte la preintesa

10 anni dopo. Qualcosa c’è

Carissimi, dopo 17 mesi di farraginose trattative, un rush finale di 15 giorni e un serrato confronto di 36 ore abbiamo firmato la preintesa per il CCNL 2016-2018.

Abbiamo fatto il nostro dovere (uso il plurale perché ho condiviso gli affanni con il gruppo dirigente che ringrazio per il supporto) in ogni scelta ed ogni passo, mantenendo l’impegno che abbiamo assunto con l’incarico conferitoci. Cercare di ottenere le migliori condizioni possibili per i medici dell’Area Radiologica del SSN.

Non è stato un percorso facile. Per la prima volta abbiamo dovuto fare i conti non solo con la controparte pubblica, ma anche con una incredibile aggressività tra sindacati, caratterizzata da un uso sistematico della distorsione della realtà al fine di accreditarsi come gli unici veri tutori del bene dei medici o alternativamente dei dirigenti sanitari. E abbiamo imparato come non ci sia niente di meglio dell’urlo attraverso il PC per far sembrare sporco ciò che è pulito ed inutile o bieco tutto ciò che è ragionevole o necessario.

Abbiamo sperato e lottato perché questo contratto vedesse la luce superando ostacoli e resistenze. Vediamo perché.

La Massa Salariale

Prima di tutto per prendere i soldi previsti, ancorché pochi. Una massa salariale di 400 milioni per il 2018, una media di 3200 euro a testa, circa 260 euro lordi al mese. Pochissimi, ma con la finanziaria imminente e la situazione politica incombente certamente a settembre-ottobre come qualcuno adombrava non saremmo stati meglio trattati. Avremmo perso certamente anche questi fondi con tutte le loro ricadute sulla previdenza e gli emolumenti futuri. Vedremo se chi ha dichiarato oggi che non firma un contratto “boiata” non firmerà tra qualche giorno con la scusa di una firma “tecnica”. E’ un fatto che mentre portavamo avanti una trattativa faticosa con la controparte ed il fuoco “amico” nessuno ha dichiarato sciopero o altro. Tanti ruggiti e pochi fatti.

L’unificazione dei fondi, già comunicata due anni fa dall’atto di indirizzo e mai contestata, non solo non porterà danni a nessuno ma anzi ci darà occasione di rientrare sul tavolo delle disponibilità aziendali.

Lo sviluppo di carriera

Abbiamo impedito la marginalizzazione della professionalità, mantenendo la possibilità della carriera gestionale che volevano precludere in cambio dello sviluppo della carriera professionale che abbiamo mantenuto.  Gli incarichi di Altissima specialità si aggiungono verso l’alto alla graduazione esistente (il 10% di tutti gli incarichi).

I Giovani

Riconosciuta l’anzianità cumulata anche con le interruzioni.

Riconosciuta una indennità di posizione di 1000 euro dove prima era il nulla.

Riconosciuta l’obbligatorietà di avere un incarico dal momento dell’assunzione.

Le condizioni di lavoro

Mantenuta la indicazione della sede e del presidio definito come stabilimento. Aumentate o mantenute le indennità varie delle condizioni di lavoro. Stabilito un tetto numerico alle guardie e possibilità di contrattare nelle aziende la remunerazione. 

L’Area Radiologica

Abbiamo confermato giorni ed indennità e approvato l’ingresso dei fisici medici accanto a noi come fruitori della indennità specialistica, allargando l’Area Radiologica.

Questa è solo una prima comunicazione, per fornirvi delle impressioni che fanno si che il bicchiere possa essere valutato mezzo pieno o mezzo vuoto, io credo mezzo pieno. Certamente questo bicchiere vuoto non è e soprattutto in questo momento storico e politico non lo abbiamo rotto, per non rimanere a tempo indeterminato fuori dai tavoli.

Avremmo voluto di più ma con altrettanta certezza vi dico che avremmo potuto non avere nulla. Il meglio è spesso nemico del bene.

Attiveremo durante l’autunno riunioni nelle regioni e negli ospedali che ci consentiranno di affrontare le trattative regionali ed aziendali importanti come non mai nel momento in cui verso la fine dell’anno il contratto entrerà in vigore.

Un ringraziamento affettuoso per l’opera di Francesco Lucà senza il quale il sottoscritto e tutto il Sindacato dei Radiologi non avrebbe avuto quella cultura sul contratto che ci ha consentito una presenza proficua al tavolo e a tutta la FASSID (AIPAC, AUPI, SIMET, SINAFO, SNR), che ha fatto squadra alla grande.

Nell’attesa della ripresa di settembre vi saluto caramente augurando buone ferie a chi le debba ancora fare ed a chi le avesse fatte buon rientro al lavoro, con qualche certezza in più.

 

Corrado Bibbolino
24 luglio 2019

Caricando...